Province: Pinna (Pd), si scrive Sub commissario si legge rappresentante politico del Medio Campidano

cartinaComuni

Guspini, 26 nov. 2016 – “Apprendo che gli argomenti all’ordine del giorno negli Uffici dell’ex Provincia del Medio Campidano, confluita nella Provincia del Sud Sardegna e commissariata dopo l’approvazione della l.r. n.2 del 4 febbraio 2016 “riordino del sistema delle autonomie locali della Sardegna, non riguardano, come ci si doveva aspettare, lo stato dell’arte delle attività strettamente necessarie alla gestione ordinaria e alla erogazione dei servizi nonché alla ricognizione degli atti contabili, finanziari patrimoniali e liquidatori, come delineato nel comma 7, art.24, l.r. n.2/2016), leggo piuttosto affermazioni che esulano da tali compiti”. Lo sostiene Rossella Pinna, Consigliere Regionale del Pd in merito alla Provincia del Medio Campidano.

“Credo sia opportuno fare chiarezza – prosegue l’esponente del Pd – precisando innanzitutto che il decreto di nomina di sub commissario della provincia del Sud Sardegna, in relazione alla istituita zona omogenea del Medio Campidano, di cui alla citata legge, ha il preciso scopo di affiancare l’Amministratore straordinario con “una figura di supporto alla sua attività”, ossia di favorire le operazioni gestionali propedeutiche al nuovo schema territoriale e assicurare la conclusione e la definizione dei procedimenti in essere nell’ente cessato, intendendo con ciò, chiaramente, agevolare il processo di transizione tra la città metropolitana di Cagliari e la provincia del Sud Sardegna”.

“E’ di tutta evidenza inoltre che, per ragioni di correttezza, opportunità politica e rispetto dei ruoli, -principalmente dei sindaci eletti a rappresentare gli interessi delle comunità locali-, argomenti come opere pubbliche, cantieri edili, finanziamenti della giunta regionale, accompagnati da valutazioni sulle priorità e sulle emergenze rilevate nel territorio, non competono ad una gestione provvisoria, ordinaria, in scadenza (31.12.2016) con carattere strettamente tecnico e dunque priva di legittimazione politica. Ne consegue che il sub-Commissario non può che svolgere mera attività ordinaria, lasciando l’attività programmatoria alla competenza dei rappresentanti politici del territorio che non meritano di essere commissariati da nessuno”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...