Uranio: Pili (Unidos), segreto di Stato su deposito nucleare a Capo Teulada, è area ‘classificata’

Cagliari, 4 ago. 2016 – “Poco fa il Ministero della Difesa mi ha comunicato che potrò svolgere nelle prossime ore la visita ispettiva dentro la base di Teulada come richiesto stamane dopo la notizia dell’esistenza di un deposito radioattivo. Per la prima volta il Ministero aggiunge la clausola preventiva: la visita in argomento escude a notizie e aree classificate. Per notizie e aree classificate si intendono quelle sottoposte a segreto di Stato”. Lo ha detto il deputato di Unidos Mauro Pili, dopo la richiesta al Ministero della Difesa di una visita ispettiva alla Base di Capo Teulada. Ieri Pili in Commissione sull’Uranio impoverito ha denunciato che “dentro il poligono di Teulada esiste un’area riservata dove è stato realizzato un deposito radioattivo riservato che contiene i residui dei missili Milan e dei materiali radioattivi utilizzati dentro la base. Non è dato sapere quantità e tipologia. Il Ministero della Difesa sino ad oggi ha negato alla Procura di Cagliari la tracciabilità dei missili al Torio e dei suoi residuati”.

“Non era mai successo prima – prosegue il deputato sardo – evidentemente hanno intenzione di nascondere il deposito radioattivo”. Pili spiega che un dirigente dell’Arpa Sardegna, Massimo Cappai, ieri in audizione in Commissione alla Camera ha detto: “Noi dell’Arpas con delega della Procura abbiamo chiesto la tracciabilità ma non ci sono mai stati forniti elementi sui quantitativi e sulle modalità dello smaltimento”, rispondendo ad una sua domanda. Pili ha chiesto al dirigente dell’Arpas “di conoscere il tracciato di queste scorie radioattive e a quel punto il delegato della procura ha dovuto ammettere che quei dati sono stati richiesti ma che dalla Difesa non è pervenuta nessuna risposta”.

Aggiornamento delle 20,22 – In serata siamo stati contattati dal Comando Militare Autonomo della Sardegna che ha inviato questa nota del Gabinetto del Ministero della Difesa: “Contrariamente a quanto affermato dall’on.Pili, la normativa vigente, per ovvie ragioni, non prevede l’accesso a notizie e aree classificate se non previa richiesta e specifica autorizzazione del Ministero. Si rammenta – spiega la Difesa – inoltre che il decreto del presidente della Repubblica del 15 marzo 2010 n. 90 Art. 414 comma 1, prevede l’accesso di un solo accompagnatore. Della persona accompagnatrice si chiedono per motivi di sicurezza come da prassi  le generalità ed il rapporto di collaborazione. Tutte le visite sin qui svolte da parlamentari in aree militari hanno seguito le stesse procedure”. Pili domani sarà comunque accompagnato nella visita ispettiva al Poligono dell’Esercito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...