Alcoa: Pili (Unidos), la Camera approva il commissario e il riavvio dello stabilimento

Contrari solo M5S, Alleanza Popolare-Udc

 

Roma,10 feb. 2016 – “Con un voto netto e chiaro, 361 voti a favore e 110 contrari, la Camera ha appena approvato la proposta che prevede l’immediato riavvio dello stabilimento Alcoa. Nel testo approvato sono indicate anche le procedure analoghe a quelle dell’Ilva, il riconoscimento di ruolo strategico nazionale per l’alluminio primario, compreso il  commissariamento dello stabilimento. Il parere inizialmente contrario del governo è stato ribaltato dopo il mio intervento in aula che ha chiesto di rivedere la propria indicazione di voto proprio rispetto alla questione più rilevante, quella della ripresa produttiva attraverso il commissariamento dello Stabilimento e il riconoscimento strategico dell’alluminio primario. E’ la prima volta che il parlamento si pronuncia su questa proposta: hanno votato a favore 361 deputati, contrari 110. Contrari solo i 5 stelle e Udc – Alleanza Popolare. 

Il dispositivo approvato dalla Camera recita testualmente: “La Camera impegna il governo ad attivare procedure analoghe a quelle avviate per l’Ilva di Taranto, a partire dal riconoscimento del ruolo strategico nazionale per l’alluminio primario, compreso il commissariamento dello stabilimento, al fine del suo riavvio”.

Lo ha appena detto il deputato sardo di Unidos Mauro Pili che in occasione del decreto mille proroghe aveva proposto un ordine del giorno che segnava la totale inversione di tendenza rispetto alla strategia del governo.

“Si tratta di un risultato rilevante che segna un’inversione di strategia totale – ha detto Pili. Da una parte viene approvata la linea di intervento commissariale che ho proposto due anni fa e che solo oggi trova il pieno accoglimento da parte della Camera. Nel contempo il governo ha rinegato il famoso memorandum con Glencore per il quale ha espresso parere contrario alla sua attuazione. Si tratta di un doppio risultato, da una parte la sconfessione di quanto fatto sino ad oggi dal governo e dall’altra l’apertura di un percorso chiaro e netto. In questa direzione ho indicato le tappe per la ripresa produttiva che con questa approvazione deve essere perseguita:

  1. rendere con decreto strategico lo stabilimento Alcoa di alluminio primario;
  2. nominare un commissario straordinario per il riavvio dell’impianto;
  3. il commissario deve attivare subito il contratto bilaterale con Enel o chi per essa e avere condizioni energetiche di riequilibrio;
  4. deve sottoscrivere un contratto di programma con il governo per il revampig dello stabilimento;
  5. deve immediatamente chiamare a lavoro tutti i lavoratori, alla pari dei lavoratori dell’Ilva;
  6. deve fare un piano immediato per la rimessa in marcia dello stabilimento;
  7. deve fare un bando per verificare se qualche soggetto entro 60 giorni accetta le condizioni indicate nel piano;
  8. se nessuno accetta deve incaricare una società pubblica, gruppo Finmeccanica (esempio), al riavvio degli impianti e alla gestione per tre anni dell’impianto e poi collocarlo sul mercato;
  1. “Ora – ha concluso Pili – occorre vigilare e perseguire senza perdere altro tempo la strada indicata nell’atto di indirizzo approvato dalla Camera. Perdere altro tempo sarebbe colpevole e complice. Ora decreto, commissariamento, strategicità e ripresa produttiva”.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...