Rifiuti: Pili (Unidos), Renzi e Regione Campania si tolgano dalla testa trasporto delle ecoballe in Sardegna

Cagliari, 30 “Il governo Renzi e la Regione Campania si tolgano dalla testa qualsiasi possibile trasporto delle ecoballe in Sardegna. Aver previsto il trasporto via mare tra le possibile strade di movimentazione delle ecoballe non solo conferma il pericolo denunciato qualche giorno nell’esame del decreto Giubilieo & ecoballe ma lascia presagire intenzioni fin troppo chiare da parte dei soggetti interessati. Il piano contenuto nel capitolato d’appalto della regione Campania e autorizzato dal decreto renzi approvato qualche giorno fa della Camera fa esplicito riferimento al possibile trasporto via mare, così come avvenne nel 2008. Senza nemmeno aspettare la conversione in legge il presidente della Campania (PD) ha avviato l’appalto per lo smaltimento delle ecoballe della Campania prevedendo anche l’uso delle navi. Il decreto ha autorizzato, infatti, il trasferimento delle ecoballe anche in altre regioni italiane e all’estero. In realtà nel capitolato d’appalto hanno inserito una modalità di trasporto che ripropone esattamente la denuncia che ho fatto in aula a Montecitorio una settimana fa: ecoballe via mare. E’ fin troppo evidente che la modalità di trasporto punti dritta sulla Sardegna considerato che le altre regioni, esclusa la Sicilia, che però sarebbe sovraccarica, sono raggiungibili via terra, gommato o treno. La regione Sardegna deve esprimere un chiaro e immediato veto alla sola ipotesi, senza perdere altro tempo. Aver avvallato il decreto Renzi che prevede il turismo delle ecoballe è già di per se un fatto grave”.

Lo ha denunciato in una interrogazione parlamentare il deputato sardo di Unidos Mauro Pili con il quahttps://www.facebook.com/mauro.pilibis?fref=tsle contesta la previsione del trasporto via mare dei rifiuti fatto dalla regione nell’appalto di smaltimento delle ecoballe.

“Lo schema è quello del 2008: da Napoli al porto Canale di Cagliari e poi al Casic, guarda caso dotato dei codici autorizzativi uguali a quelli richiesti nel capitolato d’appalto della regione Campania. E’ fin troppo chiaro – denuncia Pili – l’attivismo di alcuni soggetti, operatori marittimi che gestiscono di tutto e di più, dalle bombe ai rifiuti, e di alcuni soggetti campani che pensano di trasformare la Sardegna in discarica di rifiuti. Sappiano questi signori, ben individuati, che non gli sarà consentito nessun tipo di trasferimento in Sardegna di alcun tipo di rifiuti. Se nel 2008 la protesta fu spontanea, questa volta la reazione sarà organizzata. Non sarà consentito ne a renzi ne al silente presidente della regione di trasformare la Sardegna in una piattaforma di smaltimento delle ecoballe di Napoli e Campania. Per questo motivo pubblico tutti i documenti del piano che si sta perseguendo con l’appalto della regione campania autorizzato dal decreto del governo approvato anche con l’avallo di parlamentari sardi! Tutto pianificato e denunciato in occasione del decreto Giubileo & ecoballe. Non hanno atteso nemmeno la conversione in legge che avevano già fatto partire l’appalto con la previsione del trasporto via mare. Questa volta – conclude Pili – la reazione sarà durissima. E’ consigliabile che nessuno avanzi proposte e offerte per il trasferimento in Sardegna delle ecoballe. Quel trasporto via mare fatto inserire nell’appalto da qualcuno ben addentro al traffico di rifiuti con agganci campani e non solo in Sardegna sarà rispedito al mittente”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...