Gay: Orrù (MC), Michela Murgia nel panico cerca consensi attaccando cd su mozione contro ideologia gender nelle scuole

Cagliari,  20 ott. 2015 – La
polemica innescata dalla scrittrice Michela Murgia contro l’opposizione sulla mozione contro l’introduzione dell’ ideologia gender nelle scuole è l’ennesima presa di posizione di un personaggio in panico per un evidente calo di visibilità e di consensi.

La Murgia, reduce dalla figuraccia di alcuni giorni fa quando ha definito disgustosa l’immagine di una ragazza su una copertina di una rivista esclusivamente perchè magra, ora ci prova attaccando e tentando di sbeffeggiare l’opposizione di centrodestra in consiglio regionale su una iniziativa importante e comunque la si pensi espressione della vita democratica.

D’altronde siamo di fronte ad una nuova triste performance di un personaggio che si è candidato alle elezioni alla carica di presidente della Regione e che non essendo stato eletto ha letteramente abbandonato le migliaia di sardi che le avevano dato il consenso, sparendo dal dibattito politico e illuminando così i sardi sulla vera natura del suo progetto politico: azzoppare il Movimento 5 stelle, presenza politica ingombrante per le sinistre e  che si apprestava a formare le liste per le regionali e aiutare indirettamente, ma probabilmente in maniera scientifica e consapevole,  il centrosinistra di Pigliaru a vincere le elezioni.

Prova ne è il fatto che oggi la signora Murgia anzichè condurre dall’esterno una battaglia politica contro la giunta Pigliaru che quotidianamente calpesta l’autonomia della nostra regione piegandosi ai voleri del governo Renzi, innesca polemiche politiche contro i consiglieri dell’opposizione di centrodestra.

Cara Murgia, nonostante lei non gradisca, noi andremo avanti con la mozione antigender perchè diciamo in maniera chiara e forte no a leggi nazionali che mirano ad introdurre fin dalle scuole materne ideologie deleterie che mirano a influenzare i ragazzi più giovani. E continueremo a dire no, cosi come magistralmente è stato già fatto in Veneto e Lombardia, ad una legge come la Crinnà che punta a riconoscere le unioni omossessuali e le adozioni di figli da parte di persone dello stesso sesso. Battaglie fondamentali che l’opposizione porterà avanti democraticamente a tutti i livelli, che alla Murgia piaccia o meno.
Marcello Orrù
Cons. Reg. Psd’Az e fondatore Movimento Cristiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...