Nuoro: con un pugno frattura naso e zigomo alla moglie davanti alle figlie, arrestato

DSC01478

Cagliari, 28 agosto 2015 – I carabinieri di Budoni (Olbia Tempio) sono intervenuti a San Teodoro, lungo la statale 125, dopo che una donna con il volto tumefatto aveva fermato degli automobilisti di passaggio, e hanno arrestato Fabrizio Fois, 48enne di Ploaghe (Ss), già noto alle forze dell’ordine. L’uomo al termine di una giornata trascorsa al mare, aveva violentemente picchiato la madre dei suoi figli, sua convivente nel paese del sassarese. La coppia ha trascorso la giornata in spiaggia insieme alle loro gemelline di 5 anni, ma, secondo il racconto che la donna poi in serata ha fornito ai carabinieri, il convivente l’avrebbe trascorsa al bar. E al momento di rientrare a casa, è scattato il raptus violento: ha letteralmente caricato in macchina convivente e figlie, senza nemmeno consentire di rivestirsi, ed è partito immettendosi sulla statale.

Poi quando la donna impaurita da questo ennesimo atteggiamento ha tirato il freno a mano, lui le ha mollato un manrovescio al volto che le ha provocato, come poi certificato le radiografie eseguite in ospedale, la frattura scomposta delle ossa nasali e dello zigomo. Ma ha anche continuato a picchiarla, provocandole anche ematomi diffusi al volto ed alle braccia fino a quando la donna non è riuscita a divincolarsi ed a gettarsi letteralmente in strada, chiedendo aiuto ad alcuni automobilisti di passaggio. Sono partite subito diverse segnalazioni al 112 e sul posto è giunta immediatamente una pattuglia dei carabinieri di Budoni, che ha condotto tutti in caserma.

Qui, nel corso della notte, la vicenda è stata ricostruita nei particolari e la donna, dapprima curata dalla guardia medica, è stata trasportata in ambulanza al pronto soccorso di Olbia, dove le lesioni sono state certificate. Ai polsi dell’uomo sono scattate quindi le manette mentre le due bimbe sono state affidate ad un parente di fiducia. Il giudice del tribunale di Nuoro ha convalidato l’arresto di Fois, accusato di lesioni personali e maltrattamenti, e lo ha sottoposto alla misura cautelare del divieto di avvicinamento alla casa familiare di Ploaghe.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...