Agricoltura: Coldiretti Sardegna, la Regione ignora politica del credito, da via Pessagno solo annunci

Battista Cualbu Coldiretti

Cagliari, 25 agosto 2015 – Il credito è diventato un tabù per le aziende agricole sarde. Uno dei tasselli fondamentali per il rilancio del comparto “è ignorato dalla Regione da dove arrivano solo annunci”. Lo sostiene Coldiretti Sardegna, a proposito della politica del credito agrario della Regione sarda. “Da tempo sollecitiamo l’assessorato all’Agricoltura per l’attivazione di una seria e lungimirante politica creditizia – afferma Battista Cualbu, nella foto, presidente regionale della Coldiretti – ma visti i risultati deduciamo che il capitolo non interessi, pur continuando a definire l’agricoltura il motore che trascinerà fuori dalla crisi l’economia sarda. Definizione questa che alla luce dei fatti diventa irritante”.

“Eppure è necessaria – prosegue il direttore Luca Saba – ed è attesa da tutto il mondo delle campagne che invece sta cominciando la nuova annata agricola ancora una volta azzoppata rispetto agli altri settori e ai colleghi delle altre Regioni, dove assessori solerti hanno intelligentemente attivato nei tempi giusti una serie di strumenti. E’ di questi giorni, per esempio, la notizia arrivata dalla regione Emilia Romagna, dove sono stati stanziati 1milione 500 mila euro che permetteranno di abbattere il costo del denaro per il credito di conduzione fino a 1,25 punti percentuali, rispetto ai tassi applicati normalmente dalle banche e l’attivazione di un volume complessivo di finanziamenti per oltre 100 milioni di euro. Prestito di conduzione che è sfruttato anche dalla Toscana e dal Piemonte”.

“Come abbiamo sottolineato più volte – spiegano Cualbu e Saba –, per rilanciare l’agricoltura la Regione dovrebbe farsi promotrice di un accordo condiviso con la Sfirs e le Banche per realizzare un piano di ristrutturazione e riposizionamento del debito che consentirebbe alle imprese e alle cooperative di mettere una pietra sopra alle difficoltà che si trascinano dal passato. Cosi come servirebbero politiche di credito agevolato come il prestito di conduzione e il microcredito già sperimentato con successo in altri settori”.

“Iniziative serie e concrete che sarebbero dovute essere realtà da più di un anno – precisa Luca Saba -. Invece ci siamo dovuti accontentare degli annunci (che sono anche peggio del silenzio) e delle solite e rinomate sfortune dell’assessore circondata dalla mala sorte che ostacola ogni sua virtuosa iniziativa. Ultima in ordine di tempo per il credito, la Sfirs, che a luglio aveva un serie di impegni”.

“Un poco di serietà non guasterebbe – secondo Battista Cualbu -. Prendiamo atto che in Giunta l’agricoltura non è presente, purtroppo non siamo rappresentanti. Quando non si è capaci di risolvere l’ingiustizia del refresh, di mettere in moto una politica creditizia per il comparto, ma solo di sottovalutare i problemi e addossare a terzi le proprie incapacità è giusto tirare le somme, prendere atto del fallimento e fare le conseguenti scelte”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...