Nuoro: lo speleologo ferito è arrivato in superficie alle 5,10 e trasportato in ospedale = Dopo 48 ore sotto terra a ‘Conca ‘e locoli’

ECCEZIONALE INTERVENTO DI SALVATAGGIO DEL CNSAS SARDEGNA

Nuoro, 14 agosto 2015 – Si sono concluse alle 5,10 di stamani le operazioni di soccorso di Salvatore Manca, 45enne spleologo, rimasto ferito all’interno della grotta di ‘Conca ‘e locoli’, nel Monte Montalbo di Siniscola (Nu). Dopo 48 ore di permanenza nel cunicolo, a 600 metri dall’ingresso della grotta si è conclusa positivamente, e negli orari previsti dai soccorritori, l’avventura dello sfortunato sportivo rimasto vittima del crollo di una frana mentre, insieme ad amici, visitava l’anfratto. Dopo l’arrivo in grotta di una squadra di sette uomini della Commissione Disostruzione del Corpo Nazionale Alpino e Speleologico dalla penisola con un volo apposito dell’Aeronautica Militare decollato da Milano, i ‘disostruttori’ a metà pomeriggio hanno così rinforzato il gruppo dei loro 50 colleghi sardi velocizzando le operazioni per allargare tre stretti passaggi. Con l’autorizzazione della Prefettura di Nuoro si è potuto quindi utilizzare l’esplosivo e i ‘disostruttori’ hanno comunicato il “via libera” allo spostamento della barella verso le 19.45 (nella foto del Cnsas Sardegna, dov’è ben visibile la barella sistemata su una teleferica).

speleo manca1

Il trasporto vero e proprio è iniziato alle 20 circa con l’autorizzazione del medico e dell’infermiere, entrambi della Commissione Medica Nazionale Cnsas, che sin dal primo momento hanno seguito e monitorato la situazione del ferito. Presente per tutta la durata del soccorso il gruppo dei tecnici speleosubacquei, fondamentali sin dai primi rilievi nei tratti completamente allagati e nei piccoli laghi. All’interno della grotta si sono avvicendati circa cinquanta tecnici del Cnsas che hanno sostenuto la barella col ferito nel percorso verso l’uscita usando alcuni battelli gonfiabili e diverse teleferiche nei tratti verticali.

All’uscita tutte le persone che hanno contribuito ad allestire il campo base e preparare tutto l’occorrente per ristorare le squadre che si avvicendavano al lavoro hanno contribuito anche a trasportare la barella sino al sentiero del campo base, dove attendeva il ferito l’ambulanza medicalizzata della centrale operativa del 118 di Sassari. I vigili del fuoco hanno allestito e la teleferica esterna, fondamentale per il trasporto della barella con il ferito. Salvatore Manca è stato quindi portato all’ospedale ‘San Francesco’ di Nuoro, ferito, “ma in buone condizioni di salute”, ha riferito all’Adnkronos Antonello Casu, addetto stampa del Corpo Nazionale Alpino e Speleologico della Sardegna. “Appena uscito era certo stanco, ma di ottimo umore, e ha riso e scherzato con l’equipe che lo attendeva all’esterno della grotta”.

Alle operazioni di soccorso della VIII Delegazione speleologica Sardegna hanno fornito assistenza logistica il Comune di Siniscola, il Comune e la Prefettura di Nuoro, la questura di Nuoro e l’Arma dei Carabinieri “che anche in questa occasione si sono dimostrate vicine al Cnsas”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...