CICLISMO: UCCHEDDU FA IL RECORD DEL MONDO NELL’ORA SU PISTA RISERVATO AI DIALIZZATI

uccheddu

Cagliari, 18 mag. 2015 – E’ italiano, anzi sardo, il record mondiale di ciclismo su pista riservato ai dializzati. E infatti la Sardegna, dopo le best performance di questi giorni di Fabio Aru al Giro d’Italia che fanno sperare nella maglia rosa, è sempre protagonista con un altro sardo, Walter Uccheddu, che ha stabilito il record ieri mattina nel velodromo di Montichiari in provincia di Brescia. Aru e Uccheddu dunque, due ciclisti sardi del Medio Campidano, il primo di Villacidro, il secondo di Gonnosfanadiga, paesi distanti appena 6 km dov’è forte la cultura delle due ruote. Soprannominato “la freccia di Gonnos”, Walter Uccheddu, 44 anni, già promessa del ciclismo sardo e due volte campione italiano ed europeo su strada e a cronometro nella categoria dializzati, ha vestito per 7 volte la maglia azzurra per il ciclocross, e ieri mattina a Montichiari, sotto il severo controllo dei giudici federali, ha percorso i 250 metri del circuito per 168 volte, registrando un esito di 41 km e 907 metri. Un risultato eccezionale se si considera che Uccheddu ha potuto fare solamente due prove nella pista di Montichiari.

A causa dell’assenza di velodromi in Sardegna, Walter Uccheddu infatti si è allenato su strada, quindi in condizioni non certamente idonee visto che le regole e la bicicletta da pista, sono totalmente diverse rispetto a quelle da strada. Ma questo non ha fermato la grinta dell’attuale campione italiano ed europeo su strada e a cronometro, sempre nella categoria dializzati, titolo riconfermato lo scorso agosto ai campionati europei svoltisi a Cracovia.uccheddu 1

“Inizialmente ero teso e molto emozionato e pensavo di non farcela. Poi l’emozione si è trasformata in grinta e allora ho corso mantenendo fede alla tabella che avevamo fatto con il mio staff tecnico”, ha dichiarato a caldo Walter Uccheddu che dopo la prova ha fatto attendere un bel po’ di tempo i giudici e i medici federali per sottoporsi all’antidoping.

“Per un dializzato è difficile consegnare le urine dopo una prova sotto sforzo e dopo aver sudato tanto – spiega Uccheddu –, ma loro lo sapevano e, pazientemente, hanno atteso. Sono soddisfatto perché l’esito della prova era atteso, ma siamo andati oltre le nostre più rosee aspettative viste le condizioni sfavorevoli con cui mi sono dovuto preparare. Un ringraziamento va a tutti gli amici che mi hanno sostenuto, al primario del Centro Dialisi del SS Trinità di Cagliari, dottor Alessandro Monni e ai miei preparatori, in bici e di palestra”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...