Sardegna: Copagri, in discussione la legge sugli agriturismo, pregi e difetti

clip_image002

Cagliari, 6 maggio 2015 – La Regione discute la legge sugli agriturismo, ma Copagri lancia l’allarme: “La norma corregge alcuni problemi ma ne pone di nuovi, interveniamo adesso”. Da ieri infatti il Consiglio regionale è impegnato nella discussione del testo unificato che riguarda agriturismo, pescaturismo, ittiturismo, fattorie didattiche e sociali, temi fondamentali per la “multifunzionalità” agricola. La proposta di legge (che sarà approvata a breve) risolve alcuni problemi emersi in sede di attuazione delle precedenti norme e corregge, ad esempio, la stortura dell’elenco regionale dei fornitori.

Tuttavia Copagri ha qualche perplessità, come già espresso alla commissione agricoltura in sede di audizione. In particolare sull’utilizzo dei prodotti aziendali, ritiene che la percentuale minima stabilita per l’utilizzo di prodotti provenienti dall’azienda agricola sia eccessivamente bassa andando a indebolire il legame tra il consumatore ed il retroterra agricolo aziendale. Legame che si sostanzia non solo nell’atto della distribuzione di pasti o nell’offerta di alloggio, ma nella costruzione di più ricche relazioni di carattere sociale, educativo e culturale. È forte il rischio che le aziende agrituristiche vadano a produrre il proprio reddito prevalente con la ristorazione e non con la produzione agricola , come previsto dalle norme vigenti, andando a configurarsi come attività di “turismo rurale” che ha altri riferimenti di carattere legislativo e fiscale. Non è raro il caso di aziende iscritte all’Albo Regionale che, contrariamente alla norma, non seguono alcuna coltivazione o allevamento. Evidentemente sono carenti i controlli volti a verificare se effettivamente il reddito aziendale è in prevalenza derivante dalla produzione agricola.

Altro punto di debolezza è, nell’assegnazione dei “soli” (l’equivalente delle stelle in campo alberghiero), la previsione di autocertificazione della qualità che andrebbe, a garanzia del consumatore, affidata invece ad organismo pubblico terzo.

Il testo legislativo abbraccia numerosi aspetti legati alla multifunzionalità delle aziende agricole, Copagri ritiene quindi indispensabile che il testo unificato sia integrato per consentire alle imprese agricole di potersi dedicare alla sistemazione ed alla manutenzione del territorio, alla salvaguardia del paesaggio agrario e forestale, alla cura ed al mantenimento dell’assetto idrogeologico, alla gestione e realizzazione di lavori, opere e servizi in ambito forestale, così come previsto dai decreti legislativi n. 228/01( art. 15) n. 227/01 ( art. 7) e dalla Legge n. 97/94 ( art. 17 ).

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...