Ippica: scommettitori attaccano articolo di pressinsardinia

Cagliari,30 nov.2014 – E’ proprio il caso di dirlo: “Excusatio non petita, accusatio manifesta”. Alcune persone sconosciute oggi su facebook hanno attaccato il nostro articolo sulle corse sospese a Villacidro, citando fonti non ufficiali, come se non fosse vero che la 5° e la 6° corsa della seconda giornata di corse all’ippodromo di Villacidro non fossero state sospese. Questa è la notizia:le corse sono state sospese dal Ministero delle politiche agricole per giocate anomale.E’ evidente che lo Stato vuole tutelarsi. E fanno riferimento ad un blog, di cui do a tutti gli estremi per la lettura (http://www.facebook.com/l.php?u=http%3A%2F%2Fforum.chorse.it%2Fforum%2Fshowthread.php%3Ft%3D96240&h=8AQGGNLjy), che confermano quanto abbiamo appreso dalle fonti dirette. Basta leggere: in un post si legge ‘aggiotaggio sulla prima’ e questo screenshot che pubblico “sulla seconda corsa”!

Eccola-aggiotaggio

Due gli attacchi da sconosciuti che mi mandano la loro versione su facebook e la cito testualmente, come se il fatto, la notizia, non fosse quella della sospensione delle corse (per tutelare la privacy non fornisco il nome del mittente): “Signor Concas, cosa faccio io nella vita credo sia irrilevante ma se la cosa la soddisfa, sono 26 anni che seguo l’ippica, ho lavorato in ippodromo per Teleippica e per Unire Tv e adesso lavoro per un bookmaker…..quanto scritto da lei in maniera errata è rilevante in quanto ancora una volta si fa brutta facciata di un mondo purtroppo troppo bistrattato, spesso da articoli o servizi non veritieri…ieri nessun gestore di scommesse estero teneva gioco su Villacidro, ma gli unici a farlo (siti tedeschi) avevano in palinsesto solo Roma, Siraciusa e Torino… se anche ce ne fosse stato qualcuno in qualche parte sperduta nel mondo, non ne ha tratto alcun beneficio come dice lei, in quanto, accettando le scommesse avrebbero dovuto, di conseguenza, pagare le eventuali vincite “milionarie”…tralascio i “finanziari degli scommettitori”, al massimo finanziatori, lei che è giornalista dovrebbe saperlo… la spiegazione dell’aggiotaggio è completamente invertita rispetto a come avviene ma questo capisco che per uno che non conosce le scommesse sia difficile da comprendere, comunque sia tali movimenti di gioco, rialzi di quota li chiami come vuole, possono essere solo fatti attraverso il totalizzatore italiano, dal territorio italiano, in quanto il gioco su piattaforme estere non va ad influire sul nostro totalizzatore…..se le anomalie erano state riscontrate già alla prima corsa perche’ il Ministero e le autorità competenti hanno aspettato fino alla quinta corsa per annullare? E se per ipotesi una della cosiddette scommesse non fosse andata in porto per un qualunque motivo (caduta/infortunio, cose possibile e giornaliere in questo mondo) l Ministero avrebbe provveduto ad annullare ugualmente le corse? A questo punto chi è il truffato e chi è il truffatore?….Il provvedimento andava preso subito non attendere che le giocate in questione andassero in scadenza e rischiare di doverle pagare….perche’ le ricordo che gli enti preposti alle scommesse hanno sotto controllo la situazione secondo per secondo e non credo che persone preposte a queste se ne siano accorte solo alla quinta corsa; che c’era qualcosa che non andava lo hanno visto tutti: 10 secondi dopo che la pima corsa era partita chi conosce questo mondo ne palrava diffusamente su tutti i siti, forum e social network e questi se ne accorgono dopo due ore? Non raccontiamoci barzellette e sopratutto non raccontiamole a chi magari vorrebbe conoscere questo mondo più da vicina ma che così facendo non lo faranno mai”.

Sapesse questo collega (perchè se ha lavorato per chi dice, sarebbe un giornalista) che il sottoscritto ama e alleva cavalli, le corse, il mondo dell’ippica della Sardegna, per il quale ha combattuto prendendo sberle in faccia. Nell’articolo non ho mai parlato nè di corse truccate nè di scommesse truccate. I miei autorevoli maestri di giornalismo mi hanno insegnato che la NOTIZIA dev’essere spiegata anche a chi dell’argomento non ne ha mai sentito neppure parlare. E credo di averlo fatto. Poi se di better francesi o inglesi non ce n’erano (ma le fonti me lo confermano!) non è un problema mio.Però si dice che i tedeschi avevano attenzione per alcuni ippodromi italiani (credo che i tedeschi rientrino nella categoria degli stranieri!). A farne le spese sono stati solo gli amanti dell’ippica sarda e dell’ippodromo di Villacidro, famiglie, gente che si è fatta 300 km per portare i cavalli a correre, gente che voleva trascorrere un pomeriggio in relax all’ippodromo con la famiglia. E poi la società che gestisce le corse a Villacidro, che ha fatto tanti sacrifici per vedere quell’impianto aperto. Questo è il risultato che conta. A noi delle commesse non ne importa un bel nulla!

Una delle cose peggiori che abbia letto sono i commenti su facebook da parte di chi mi ha dato le notizie nella “torre”. Personaggi falsi come Giuda, perchè sapevano tutto di ciò che stava succedendo e si nascondono dietro un nick fasullo sul blog. E meno male che l’ho difeso come “fonte autorevole”.

Ma tant’è. Comunque è evidente che pressinsardinia.wordpress.com ha toccato nel vivo qualche nervo scoperto, o meglio, un giochino che non era mai uscito sulle pagine di cronaca. Le minacce? Non mi faccio intimidire. Vado avanti! A tutela dei cavalli, dell’ippica,ma ancor prima della Sardegna e della verità!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...