Difesa: Tocco (FI), gravi conseguenze per ripiegamento in Corsica dell’Aeronautica militare

Cagliari, 25 set. 2014 –  “Non è certo la notizia che aspettavamo, ma la scelta dell’Aeronautica di addestrarsi nella base di Solenzara in Corsica rappresenta una disastrosa conseguenza per territorio, per la Sardegna e soprattutto per Decimo e l’intero hinterland di Cagliari”. Lo afferma il consigliere regionale di Forza Italia Edoardo Tocco, dopo aver appreso che l’Aeronautica ha avuto il via libera dalle autorità francesi ad esercitarsi in Corsica.

“Non solo. Da Decimomannu potrebbero ‘decollare’ per il continente, insieme agli aerei dell’Aeronautica anche 1200 buste paga pesanti, quelle dei militari, che sarebbero trasferiti con le loro famiglie. La decisione dell’Aeronautica di andare ad esercitarsi in Corsica è dettata da esigenze urgenti: fuori dalla nostra porta di casa ci sono due gravi crisi in atto: la Siria e la Libia, e senza addestramento l’Italia non può mandare i nostri piloti in missione. L’Aeronautica ha ottenuto l’autorizzazione dalle autorità francesi in soli due giorni che hanno dato il via libera ai nostri aerei dopo aver visto che sparavano bombette di cemento con due alette di ferro con un fumogeno”.

“L’altra grave conseguenza – dice Tocco – è per l’aeroporto di Decimo, che senza Capo Frasca chiude. Ora è a rischio la permanenza del nucleo Search and Rescue e il radar del controllo di avvicinamento aereo, che dovremo pagarci, visto che finora quel controllo, anche per gli aerei civili, è stato fatto dall’Aeronautica. C’è il rischio poi che la pista alternativa a Elmas, ovvero quella di Decimo venga restituita al Demanio e quindi vada in malora”.

“Era questo l’intento dei 1200 sardi che manifestavano contro le basi militari? Bene, nel cagliaritano e a Decimomannu saranno tutti più contenti, senza il rumore dei Tormìnado e con 1200 buste paga in meno”, conclude Tocco.

Annunci

3 pensieri su “Difesa: Tocco (FI), gravi conseguenze per ripiegamento in Corsica dell’Aeronautica militare

  1. La stima di 1200 buste paga è decisamente riduttiva;
    infatti assieme ai militari ci sono i loro familiari che lavorano,
    i civili che lavorano nella base
    e tutte quelle ditte che hanno appalti e forniture con la base di decimo o con il poligono…
    Se poi vogliamo aggiungere la ciliegina sulla torta,
    si può mettere in conto:
    200 tedeschi che sono andati via con 10 giorni di anticipo,
    180 italiani che sarebbero dovuti scendere al seguito dei tornado per 15 giorni,
    e tutti quelli che non verranno più a spender soldi in Sardegna…
    … però lo stato sta caricando sulle bollette elettriche di tutti un piccolo balzello per racimolare 1,2 miliardi di euro per sostenere i 500 minatori della carbosulcis…
    credo che ora sia tutto più chiaro!
    Per i politici, è molto più conveniente tenere un intero territorio e la sua popolazione in ginocchio, perché quando arrivano i finanziamenti statali od europei è più facile arraffare a quattro mani…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...