Sardegna: Pigliaru, con nuovo patto soldi reali all’isola

pigliaru per blog

Cagliari, 29 lug. 2014 – Conferenza stampa, questa sera nella sala giunta del Consiglio regionale della Sardegna, del presidente della Regione Francesco Pigliaru insieme all’assessore del Bilancio Raffaele Paci e ai consiglieri regionali di maggioranza, dopo la folkloristica occupazione dell’Aula da parte dell’opposizione che ha impedito la replica sull’accordo sul patto di stabilità. “Come è stato detto durante la seduta, in commedia si fanno tante parti. Ma lì fuori ci sono i sardi, c’è la disoccupazione, ci sono le difficoltà delle persone e delle famiglie”, ha detto Francesco Pigliaru. “Il risultato raggiunto con questo accordo significa portare più soldi all’economia reale nel minor tempo possibile, e tutto questo mentre attraversiamo la peggior crisi che abbiamo conosciuto. Sono soldi reali per la gente reale. Dietro il teatrino messo su dall’opposizione c’è il tentativo di rallentare l’azione di questo governo regionale, ma così facendo danneggiano solo i sardi e la Sardegna, a dispetto della bandiera che mostrano.”
Il presidente ha aggiunto poi alcune ulteriori spiegazioni sull’accordo firmato con il governo, sottolineando la risoluzione della vertenza con lo Stato che avrebbe portato la Sardegna a pagare pesanti sanzioni per le violazioni dei vincoli di patto nel 2013.

L’assessore Raffaele Paci, evidenziando che la Sardegna è la prima Regione in Italia ad ottenere dal primo gennaio 2015 il superamento dei vincoli con il pareggio di bilancio, ha aggiunto come si tratti di “un passo importante e decisivo: da qui iniziamo ad avviare le nostre politiche contro la povertà e la disoccupazione, a favore della scuola e della ricerca. Certo, questa non è la soluzione ai tanti problemi dell’isola – ha precisato – , ma uno strumento per programmare d’ora in poi autonomamente le nostre risorse. Fino a poco tempo fa ci si lamentava di non riuscire ad andare avanti per colpa dei vincoli imposti dal patto di stabilità. Noi l’abbiamo superato, risolvendo il problema in quattro mesi. Finalmente la Sardegna può spendere quanto incassa – ha concluso – e visto che gradatamente stiamo uscendo dalla crisi, prevediamo di incassare e dunque spendere di più, a tutto vantaggio dell’economia della nostra isola”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...