Sassari: approfittavano di 80enne invalida per pagare spese domestiche, coppia ai domiciliari

carabinieri autoradio

Sassari, 23 giu. 2014 –  Stamani a Valledoria (SS), i carabinieri hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari nei confronti di una coppia del paese che negli ultimi anni, approfittando delle condizioni di difficoltà in cui versa un’anziana di Santa Maria Coghinas (Ss), hanno sottratto a quest’ultima una somma di circa 150mila euro. M.L. e M.R., marito e moglie, quarantenni di Valledoria, entrambi disoccupati e con il vizio del “video poker”, sono stati arrestati Carabinieri della Tenenza di Valledoria e della che hanno anche denunciato a piede libero la figlia ventenne M.M., con l’accusa di “circonvenzione d’incapace aggravata in concorso”. I coniugi finiti ai domiciliari avevano un tenore di vita troppo elevato per le loro reali entrate: sfoggiavano abiti di marca, accessori tecnologici di ultima generazione e soprattutto lunghe giocate ai video poker del paese, tutte circostanze che hanno iniziato a destare il sospetto dei carabinieri.

Lunghi appostamenti, pedinamenti e filmati hanno permesso ai militari di accertare che la famiglia non era “fortunata al gioco” e che le entrate economiche probabilmente derivavano da un subdolo reato perpetrato nei confronti di G.M., donna ottantenne di Santa Maria Coghinas, che da giovane era una artista ed aveva accumulato nel tempo i risparmi di una vita. Risparmi che dal dicembre 2010 ad oggi sono stati dilapidati con un meccanismo rodato ed alquanto efficace. I due si sono fatti consegnare cifre dai 500 ai 3500 euro. La vedova ottantenne, affetta da una lieve deficienza psichica, veniva portata al bancomat e aveva un pezzo di carta con la somma da digitare per evitare di sbagliare la somma .

L’analisi dei movimenti ha fugato i dubbi e dal momento in cui i coniugi “fortunati” hanno incontrato la donna sono stati in grado di pagarsi le bollette e l’affitto in arretrato, senza però nessuna riconoscenza od opera di assistenza nei confronti della povera donna, trascurata nel vestire e con un tenore di vita modesto, utilizzata solo come un bancomat. I militari di Valledoria hanno ricostruito i momenti salienti della vicenda e lo stato di disagio della donna che prelevava più di 6mila euro al mese, a fronte di una pensione di 2500 euro, la cui quasi totalità della cifra era destinata a soddisfare le “esigenze” dei suoi approfittatori. Stamani i militari hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Gip di Sassari che ha condiviso le conclusioni dei Carabinieri.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...