Sanità: Cagliari, operazione ‘Udito’ dei Nas, in manette un medico e 3 fornitori Asl

Indagate 30 persone

nas cc

Cagliari, 12 giu. 2014 –  Operazione “Udito” dei carabinieri del Nas di Cagliari, in collaborazione con i colleghi delle Compagnie di Cagliari e di Quartu Sant’Elena, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare ai domiciliari emessa dal Gip di Cagliari su proposta del pm Enrico Lussu, per un medico otorinolaringoiatra delle Asl di Carbonia, Sanluri e Oristano, Giulio Giovanni Sulis, di 53 anni, originario di Bosa (Or) ma residente a Selargius (Ca) e per tre fornitori di protesi acustiche, Riccardo Vizzino, di 46, romano ma da anni residente a Cagliari, titolare della Nuova Econ Acustica Srl , ed i fratelli Maurizio e Luca Carboni, rispettivamente di 54 e 44 anni, titolari del Centro Controllo Sordità. Per tutti e quattro l’accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla truffa aggravata ai danni del SSN, corruzione e falso ideologico commesso da Pubblico Ufficiale.

Nel corso dell’indagine, avviata nel 2012, in cui sono coinvolte a vario titoli 30 persone, il Nas di Cagliari, al comando del capitano Giovanni De Iorgi, ha accertato che il medico, approfittando delle sue funzioni pubbliche, favoriva due società del settore della fornitura di protesi acustiche. I militari hanno accertato che “con continuità e sistematicità, si impegnava personalmente affinchè i pazienti visitati nella struttura pubblica si rivolgessero direttamente alle ditte ‘amiche’, producendo false prescrizioni e, in diversi casi, alterando referti audiometrici al fine di far rientrare i parametri di sordità in quelli richiesti per la corresponsione del contributo Asl, determinante per convincere i pazienti all’acquisto delle protesi”.

Le ditte ricambiavano la disponibilità del medico con la corresponsione di provvigioni proporzionate al valore e alla quantità delle protesi vendute e il pagamento di tangenti sotto forma di benefit in denaro, pagamento spese del meccanico, motore nautico, pagamento spese di viaggio, soggiorno ed iscrizione a corsi di aggiornamento. Il medico, inoltre, “tesseva rapporti corruttivi con un informatore scientifico” di una nota casa farmaceutica che pagava costosi corsi di aggiornamento con relative spese di viaggio e soggiorno, in cambio di “iperprescrizioni di farmaci” anche di classe “A”, dispensate a carico del SSN e “si assentava dalla struttura pubblica presso cui prestava servizio attestando false malattie per prolungare le ferie, partecipare a congressi o semplicemente per impegni privati”. Sulis aveva gli ambulatori convenzionati Asl a Carbonia (Asl 7 Carbonia), Guspini (Asl 6 Sanluri) e Mogoro (Asl 5 Oristano) e provati a San Sperate e Cagliari. Sono in corso perquisizioni di studi, abitazioni e pertinenze degli interessati e sequestri preventivi cautelari su conti correnti degli arrestati per 50mila euro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...