Editoria: Epolis, fallimento società è conseguenza ‘mala gestione’ dei tre dirigenti, tre arresti

auto finanza in via roma

Cagliari, 5 giu.2014 – Il Nucleo di polizia tributaria della Guardia di Finanza di Cagliari, sotto la direzione della procura del capoluogo, insieme ai colleghi di Roma, Milano e Como, ha arrestato Alberto Rigotti, 64enne  di Trento, presidente del Cda di Publiepolis spa, la concessionaria e intermediaria di servizi pubblicitari, per bancarotta fraudolenta. Oltre a Rigotti, destinatario di misura cautelare in carcere, sono finiti ai domiciliari Sara Cipollini, 42enne di Legnano, e Vincenzo Maria Greco, 69enne di Napoli, rispettivamente vicepresidente e consigliere di Publiepolis spa. Per tutti l’accusa è di bancarotta fraudolenta. Il fallimento di Publiepolis, dichiarato dal tribunale di Cagliari nel giugno del 2011, è stato una conseguenza di “mala gestione finalizzata a favorire, senza alcun giustificato motivo, alcuni creditori in danno di altri”. Queste le accuse che la Procura di Cagliari conteste a Rigotti, Cipollini e Greco. Dalle indagini e’ infatti emerso che nell’arco di 4 anni, dal 2007 al 2010, sono stati utilizzati beni e patrimoni della Publiepolis per pagare i creditori della sua capogruppo, la “Epolis”, senza alcuna tutela per la ‘par condicio creditorum’, per un valore complessivo di quasi 15 milioni di euro. Il tutto attraverso insidiosi artifizi contabili e bancari, con dissimulazioni documentali. La ricostruzione delle vicissitudini societarie ha permesso ai finanzieri di Cagliari di appurare che “i responsabili della bancarotta non hanno disdegnato di destinare a proprio ed esclusivo interesse beni quali automobili nonche’ somme di denaro indebitamente prelevate dalle casse della societa’ o tramite carte prepagate o bonifici poi utilizzati nei modi e per le finalita’ piu’ svariati (alberghi, viaggi, soggiorni, palestre esclusive)”.

A fronte di queste evidenze la Procura di Cagliari, recependo le indagini della Gdf, ha richiesto ed ottenuto l’emissione da parte del Gip di specifici provvedimenti di misure cautelari personali che sono stati eseguiti stamani a carico dei tre dirigenti della societa’.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...