Brasile: svolta nelle indagini omicidio ex carabiniere, arrestati altri due responsabili

In cella ex moglie presunto killer arrestato a Fiumicino e un poliziotto brasilianobrasileNuoro, 3 giu. 2014 – Svolta in Brasile per l’omicidio dell’immobiliarista milanese Enzo Albanese, 42enne ex ufficiale dei carabinieri, ucciso nella notte tra il 2 ed il 3 maggio  scorso da due sicari mentre usciva da casa sua, a Natal (nella foto). Dopo l’arresto di Pietro Ladogana, eseguito dai carabinieri di Budoni e della compagnia di Siniscola il 29 maggio scorso a Fiumicino, mentre si stava imbarcando per il Brasile, la polizia brasiliana, in stretto contatto con le autorità italiane, stanotte ha arrestato la ex moglie di Ladogana, Tamara Ladogana, ed un appartenente alla Policia Militar, sospettato di essere uno dei materiali esecutori dell’omicidio, di cui non è stato reso noto il nome. L’indagine, avviata dopo la denuncia dei genitori di Albanese, residenti a Budoni (Nu), e coordinata dal sostituto procuratore di Nuoro Andrea Vacca, ha permesso ai militari al comando del capitano Andrea Senes, di identificare e arrestare in meno di un mese il mandante, appunto Pietro Ladogana, mentre nella città brasiliana di Natal la polizia ha invece fermato gli altri due complici.

L’operazione è stata ribattezzata “Pedra de fogo”, in riferimento al nome Pietro e fuoco perché i sospettati hanno ucciso a colpi di arma da fuoco colui che aveva denunciando l’esistenza dell’organizzazione. Gli inquirenti sospettano infatti che i tre arrestati possano avere legami con la criminalità organizzata, in quanto dediti alle truffe e riciclaggio di denaro sporco. La polizia brasiliana ha inoltre sequestrato 145.000 euro in contanti, cinque auto di lusso, tra le quali una Toyota corolla, identica a quella con la quale i sicari si sono allontanati dopo aver freddato albanese. Nell’operazione sono stati sequestrati anche diversi animali di razza (presumibilmente cani), che si trovavano in un quartiere a disposizione dell’organizzazione. Il mandante dell’omicidio, rivela la polizia brasiliana, era a capo di un’organizzazione che amministrava almeno 10 imprese di copertura, utilizzate principalmente per il riciclaggio.

Le aziende, che operavano nelle città di Natal, Extremoz, Cearà – Mirim e Ielmo Marinho, agivano all’apparenza nella legalità, ma erano invece utilizzate per compiere frodi, falsificazione di documenti, riciclaggio ed altri crimini. Il movente dell’omicidio di Albanese si può ricercare quindi nel fatto che la vittima aveva scoperto e denunciato alle autorità brasiliane una di queste imprese un mese prima della sua morte, la “Globo Costruzioni Ltda”, di Ielmo Marinho, la cui proprietà è stata trasferita illegalmente a Pietro Ladogana. La vittima era procuratore di uno dei due soci dell’impresa e ha scoperto il disegno criminoso, e dopo la denuncia è stato ucciso. Le indagini continuano al fine di capire se vi siano altre persone coinvolte.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...