Europee, Cossa (Riformatori): sciopero del voto per far sentire la voce dei sardi contro una legge elettorale che nega alla Sardegna la rappresentanza.

Non regaliamo il nostro voto per far eleggere i siciliani

cossa michele

CAGLIARI 22 maggio 2014. “Contro una legge elettorale incostituzionale, contro l’arroganza di Pd e Forza Italia che hanno impedito la costituzione del collegio per la Sardegna che avrebbe consentito l’elezione di europarlamentari sardi, la risposta da dare è soltanto una: domenica i sardi devono stare a casa dando forza allo sciopero del voto”. Lo sottolinea il coordinatore regionale dei Riformatori sardi, Michele Cossa.

“Non è più accettabile – prosegue Cossa – che la nostra regione sia a priori esclusa dalla scelta dei parlamentari europei. Noi non siamo contro l’Europa, anzi siamo convinti che l’Europa rappresenti per la Sardegna la più grande delle opportunità. Proprio per questo i sardi devono pretendere di essere rappresentati in nel Parlamento europeo, e per questo motivo agiremo presso la Corte europea. Intanto, l’unico modo che abbiamo per far sentire la nostra voce è quello del non voto. Violare il principio della rappresentatività per regalare uno o due seggi in più ai siciliani è un insulto alla Sardegna”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...