Agricoltura: la Sardegna può farcela sollecitando progetti creatori di ricchezza prima delle prossime semine

Spetta proporle alle forze politiche di centro sinistra e sovraniste

vignetoCagliari, 18 mag. 2014 – Nelle more delle necessarie riforme, con le attuali risorse umane della pubblica amministrazione, perché non prevedere un ‘Piano Straordinario’ finalizzato alla coltivazione totale delle campagne che rimetta in moto l’economia reale e la vita di relazione dei comuni rurali? I benefici per l’economia isolana sarebbero immensi. Basterebbe un modesto sostegno finalizzato alle imprese agricole per produrre in casa ciò che normalmente viene acquistato dagli allevatori. Che aspettano le forze politiche di centro sinistra e sovraniste ad impiantare un progetto di questa natura prima delle prossime semine? Dopo un’annata ne viene un’altra diceva papà Cervi. Le aree rurali hanno bisogno di riprendere vita per uscire dalla povertà e dallo scoramento. Le province rimodellate sarebbero tornate utili in tempi di riforme e di semplificazione per rimodellare il sistema Sardegna. Ma la malefica campagna le ha screditate come luoghi degli sprechi, ed ora non si ha uno strumento di dimensione territoriale per attuare progetti speciali creatori di ricchezza aggiuntiva ed immediata. Nelle more di essere accorpate, si potrebbe recuperare la funzione operativa delle Agenzie agricole -e anche di personale delle province commissariate- per mettere in coltivazione, come esempio virtuoso, almeno 20 mila ettari di legumi da granella e da foraggio. Impiegando le risorse umane della pubblica amministrazione, con un investimento annuale di 5/6 milioni di euro, da erogare secondo le possibilità offerte dalla normativa comunitaria del ‘de – minimis’ primario è concepibile la messa in coltivazione dei seminativi e la bilancia commerciale isolana ne guadagnerebbe sin dalla prossima annata agraria. Non si dimentichi che l’Agricoltura è vita. Benessere per tutti. …e come diceva il filosofo “mangiare è un atto agricolo”.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...